PD: 8 punti per aspettare.

Prendendo gli 8 punti per un governo di Bersani da IlPost, lancio degli spunti:

1. Fuori dalla gabbia dell’austerità.
Il Governo italiano si fa protagonista attivo di una correzione delle politiche europee di stabilità. Una correzione irrinunciabile dato che dopo 5 anni di austerità e di svalutazione del lavoro i debiti pubblici aumentano ovunque nell’eurozona. Si tratta di conciliare la disciplina di bilancio con investimenti pubblici produttivi e di ottenere maggiore elasticità negli obiettivi di medio termine della finanza pubblica. L’avvitamento fra austerità e recessione mette a rischio la democrazia rappresentativa e le leve della governabilità. L’aggiustamento di debito e deficit sono obiettivi di medio termine. L’immediata emergenza sta nell’economia reale e nell’occupazione.

Come possono far coincidere il pareggio in bilancio che hanno votato (il fiscal compact) con gli investimenti pubblici? Come faranno a pareggiare spese ed entrate? Ritratteranno, dopo averle votate, le spese militari? E poi? Se il debito non vogliono ricontrattarlo (e si badi bene che Grillo vuole istituire una commissione sul debito) vorrei proprio capirlo.
2. Misure urgenti sul fronte sociale e del lavoro
– Pagamenti della Pubblica Amministrazione alle imprese con emissione di titoli del tesoro dedicati e potenziamento a trecentosessanta gradi degli strumenti di Cassa Depositi e Prestiti per la finanza d’impresa.
– Allentamento del Patto di stabilità degli Enti locali per rafforzare gli sportelli sociali e per un piano di piccole opere a cominciare da scuole e strutture sanitarie.
– Programma per la banda larga e lo sviluppi dell’ICT.
– Riduzione del costo del lavoro stabile per eliminare i vantaggi di costo del lavoro precario e superamento degli automatismi della legge Fornero.
– Salario o compenso minimo per chi non ha copertura contrattuale.
– Avvio della universalizzazione delle indennità di disoccupazione e introduzione di un reddito minimo d’inserimento.
– Salvaguardia esodati.
– Avvio della spending review con il sistema delle autonomie e definizione di piani di riorganizzazione di ogni Pubblica Amministrazione.
– Riduzione e redistribuzione dell’IMU secondo le proposte già avanzate dal PD.
– Misure per la tracciabilità e la fedeltà fiscale, blocco dei condoni e rivisitazione delle procedure di Equitalia.
Ciascun intervento sugli investimenti e il lavoro sarà rafforzato al Sud, anche in coordinamento con i fondi comunitari.

Come faranno ad allentare il patto di stabilità? Stessa question del punto uno. Da dove recupereranno i soldi per arrivare al pareggio? Che poi, quegli stessi fondi che vogliono immettere sono stati loro a votarne il taglio.

Sul lavoro cosa vuol dire riduzione dei costi del lavoro stabile? Eliminare tasse alle imprese? Basterà questo? E con l’articolo 18 modificato chi assicura al lavoratore a tempo indeterminato di non essere licenziato comunque? E sulle 46 tipologie di contratto atipico? Salario minimo e redditto minimo d’inserimento? Quando vogliamo far pagare il giusto alle grandi aziende? Continueremo a detassarle e deregolamentare a loro favore?

3. Riforma della politica e della vita pubblica
– Norme costituzionali per il dimezzamento dei Parlamentari e per la cancellazione in Costituzione delle Province.
– Revisione degli emolumenti di Parlamentari e Consiglieri Regionali con riferimento al trattamento economico dei Sindaci.
– Norme per il disboscamento di società pubbliche e miste pubblico-private.
– Riduzione costi della burocrazia con revisione dei compensi per doppie funzioni e incarichi professionali.
– Legge sui Partiti con riferimento alla democrazia interna, ai codici etici, all’accesso alle candidature e al finanziamento.
– Legge elettorale con riproposizione della proposta PD sul doppio turno di collegio.

Ma il doppio turno di collegio ha senso se le prime tre forze si equivalgono? Vogliono ristabilire le preferenze e non le liste bloccate? E il vincolo di mandato? Vogliono capire che i veri sprechi della politica sono la corruzione e la mafia? Stanno usando gli slogan grillini sui parlamentari solo per essere appoggiati fino alle prossime elezioni?

4. Voltare pagina sulla giustizia e sull’equità
– Legge sulla corruzione, sulla revisione della prescrizione, sul reato di autoriciclaggio.
– Norme efficaci sul falso in bilancio, sul voto di scambio e sul voto di scambio mafioso.
– Nuove norme sulle frodi fiscali.

Ed ecco che, in previsione di una nuova campagna elettorale, tirate fuori le leggi contro la corruzione e i vari reati ascrivibili all’ambiente mafioso, ma non mi pare che l’abbiate mai messe in atto in passato, anzi siete imputati della maggior parte dei reati tra le vostre file! (qui, qui, qui, etc..)

5. Legge sui conflitti di interesse, sull’incandidabilità, l’ineleggibilità e sui doppi incarichi.
Le norme sui conflitti di interesse si propongono sulla falsariga del progetto approvato dalla Commissione Affari Costituzionali della Camera nella XV Legislatura che fa largamente riferimento alla proposta Elia-Onida-Cheli-Bassanini.

Il conflitto di interessi l’avete regalato voi così com’è all’Italia, quindi non prendeteci per il culo. D’Alema ancora vi guida e nel 96′ era in parlamento quando si propose la modifica circa i blind trust, eppure..

Stessa cosa sull’incandidablità, l’ineleggibilità e sui doppi incarichi, come al punto 4.

6. Economia verde e sviluppo sostenibile
– Estensione del 55% per le ristrutturazioni edilizie a fini di efficienza energetica.
– Programma pubblico-privato per la riqualificazione del costruito e norme a favore del recupero delle aree dismesse e degradate e contro il consumo del suolo.
– Piano bonifiche.
– Piano per lo sviluppo delle smart grid.
– Rivisitazione e ottimizzazione del ciclo rifiuti (da costo a risorsa economica). Conferenza nazionale in autunno.

Scrivo solo una cosa: TAV (e tutte le altre opere che dissestano il territorio in barba all’ecologia).

7. Prime norme sui diritti

– Norme sull’acquisto della cittadinanza per chi nasce in Italia da genitori stranieri e per minori nati in Italia.
– Norme sulle unioni civili di coppie omosessuali secondo i principi della legge tedesca che fa discendere effetti analoghi a quelli discendenti dal matrimonio e regola in modo specifico le responsabilità genitoriali.
– Legge sul femminicidio.

La legge contro l’omofobia è stata bocciata da lega-pdl-udc, non è colpa loro, solo che se lo consideriamo un diritto insindacabile, almeno così dicono, non dovrebbero passarci sopra cercando l’alleanza con l’udc. Ops, all’intero del pd ci son ancora tanti, molti, sempre troppi democristiani.

8. Istruzione e ricerca
– Contrasto all’abbandono scolastico e potenziamento del diritto allo studio con risorse nazionali e comunitarie.
– Adeguamento e messa in sicurezza delle strutture scolastiche nel programma per le piccole opere.
– Organico funzionale stabile, piano per esaurimento graduatorie dei precari della scuola e reclutamento dei ricercatori.

Oh, ma i tagli all’istruzione li hanno votati! Ichino era un vostro parlamentare e poi alleato, e il fratello era vostro sostenitore, quando si propose l’innalzamento delle tasse, il prestito d’onore, l’abolizione del valore legale del titolo di studio. Di che state parlando!?

In più, perché non propongono una nuova riforma dell’università, una cosa di cui si ha realmente bisogno, che faccia tabula rasa da Berlinguer in poi e cambi drasticamente (ma non del tutto) la riforma Ruberti?

E poi, perché non trattano il tema della repressione e del fascismo che rinasce? Perché nessuno parla di queste cose? Dei numeri identificativi sui poliziotti antisommossa, delle commissioni su Genova, Piazza Navona, Val di Susa, Niscemi, San Giovanni in Calabria, 14 dicembre, Milano, Aldovrandi, le carceri, associazioni di stampo fascista e nazista rinate, dei fascisti ripuliti in parlamento, etc…
Mi fate schifo e non sono un grillino, avete paura ad andare in giro senza scorta o nelle fabbriche o negli atenei, vero?

Di analisi più pacate se ne trovano, contributi interessanti sono anche in Dibattito a sinistra su IlCorsaro.info, ove si discute in generale della scomparsa e della presenza fantasma della sinistra in Italia nei luoghi istituzionali.

Tuttavia, qui voglio affrontare per ribadire con parole mie, ma il tema si dibatte, lo ripeto, ampiamente meglio su internet, del futuro del progetto PD, se di futuro si può parlare. Insomma, del cambiamento che si preannuncia da quando è nato. Ho sempre sparato contro questo ammasso di liberali, socialdemocratici, democristiani, etc.., ma volendo intervenire nel contesto è chiaro che questi 8 punti di Bersani sono una dimostrazione del comportamento indeciso-attendista che il partito ha sempre tenuto per poter placare gli equilibri interni tra i vari interessi politici. Ed è sbagliato.

L’avevamo predetto un po’ tutti che alla lunga o si sarebbe appiattito scomparendo o sarebbe imploso (ci sperava molto Vendola, anche se poi si è appiattito lui stesso, e scrivo lui perché come si dice adesso SEL è un fanclub di Vendola), ed ecco il lento trascinarsi di tutto l’apparato che non ha più responsi dal basso e perde fiducia persino dalle proprie basi.

Il progetto PD a sinistra nel centro è fallito completamente, c’è solo da chiudere baracca e disperdersi. L’unico futuro è a destra, come ormai naviga in quella direzione da quando è stato fondato.

Adesso il punto è sperare che diano un segnale forte di divisione e poi di implosione dei piani alti (senza cascare nel solito giochetto del leader di una mozione che esce proponendosi come nuovo), così da non creare delusione nelle frange di sinistra che votano o che magari, nostro malgrado, fanno parte di questo partito e dare loro la scossa di decisione verso una reale sinistra, che non sia una baraccopoli di Rivoluzione Civile o un eterno scontro tra PRC e PDCI o, molto peggio, il fanclub di Vendola o il malcontento di protesta compatta e proposta disordinata di Grillo, ma una reale alternativa di politica dal basso.

Insomma, riprendiamo a farci e far fare la cultura politica ad ogni livello, e che sia di sinistra.

 

image

Annunci

Dimmi che ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Olive da Friggere Forte.

Ad Hank e a Fabrizio Zanotti che hanno tirato fuori le parole giuste.

kosmios.wordpress.com/

A deconstruction

Ironia, Racconti e Colori

Racconti, Ironia, Schizzi, Pasticci e Segate Varie

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: